Cosenza, maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti della moglie invalida: 50enne allontanato da casa

Cosenza, maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti della moglie invalida: 50enne allontanato  da casa

Temendo per la sua incolumità, la moglie ha iniziato a chiedere aiuto alle Forze dell’Ordine, che più volte,  nell’ultimo mese, sono intervenute presso la residenza familiare, così da sedare le liti tra i due.

Nel pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato ha eseguito il provvedimento di allontanamento  dalla casa familiare di  un cinquantenne, resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate poste in essere nei confronti della moglie invalida.

In particolare, dopo molti anni di matrimonio, il rapporto si era deteriorato anche a seguito delle malattie che avevano portato la donna ad una totale invalidità.

Il rapporto per la moglie si era trasformato in un incubo e, alla violenza verbale, fatta di ingiurie e minacce anche di morte, sono seguite le percosse, che le hanno cagionato lesioni  spesso non denunciate e curate nell’ambito domestico.

Il marito aveva ripreso a bere bevande alcoliche quotidianamente, tanto da ubriacarsi e perdere ogni lucidità, pertanto, negli ultimi tempi,  qualsiasi discussione, anche per futili motivi, culminava con una furia incontrollata che la donna, visto anche la sua   invalidità,  era costretta a subire, non riuscendo  a fermarlo.

Temendo per la sua incolumità, la moglie ha iniziato a chiedere aiuto alle Forze dell’Ordine, che più volte,  nell’ultimo mese, sono intervenute presso la residenza familiare, così da sedare le liti tra i due.

L’attività info-investigativa avviata a seguito degli interventi effettuati dagli operatori della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza diretta dal Procuratore Capo Dr Mario Spagnuolo, ha consentito di accertare i reati contestati e di  allontanare  l’uomo dalla casa familiare, restituendo tranquillità alla donna, già fortemente provata per la sue condizioni di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *