False ricette mediche, indagine del Nas di Cosenza: 19 misure cautelari per medici e farmacisti

False ricette mediche, indagine del Nas di Cosenza: 19 misure cautelari per medici e farmacisti

Le indagini sono state condotte dai militari attraverso intercettazioni ambientali, telefoniche e telematiche e servizi di controllo e pedinamento che hanno permesso di ipotizzare l’esistenza di un’associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni del Servizio sanitario nazionale

 

I carabinieri del Nas di Cosenza e del Gruppo Tutela Salute di Napoli, con l’ausilio dei militari dei Comandi provinciali di Cosenza e Crotone, hanno eseguito 19 misure cautelari nei confronti di medici e farmacisti, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Castrovillari.

L’accusa, a vario titolo, per i destinatari dei provvedimenti, è associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni del Ssn.

In carcere sono finiti due informatori farmaceutici e un medico di medicina generale. La moglie del medico è stata posta ai domiciliari. Per gli altri 15 indagati, tra i quali farmacisti della zona di Corigliano Rossano, applicata la misura interdittiva della professione.
I provvedimenti sono stati emessi dal Gip su richiesta della Procura. In corso numerose perquisizioni in abitazioni, ambulatori medici e farmacie ubicate nelle province di Cosenza e Crotone con il sequestro preventivo di beni. Le indagini sono state condotte dai militari attraverso intercettazioni ambientali, telefoniche e telematiche e servizi di controllo e pedinamento che hanno permesso di ipotizzare l’esistenza di un’associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni del Servizio sanitario nazionale, compiuta mediante la redazione di false ricette mediche relative a costose specialità medicinali, non collegate ad alcuna necessità terapeutica di ignari pazienti, a cui sarebbero state prescritte al solo scopo di percepire il relativo profitto grazie al totale rimborso delle spese da parte del Servizio sanitario nazionale.

(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *