Covid, Ema raccomanda l’uso del vaccino Pfizer per la fascia 5-11 anni

Covid, Ema raccomanda l’uso del vaccino Pfizer per la fascia 5-11 anni

Via libera alla somministrazione in dose inferiore a quella per i più grandi: 10 µg rispetto a 30 µg. Anche per i piccoli ci saranno due inoculazioni a distanza di tre settimane 

L’agenzia europea per i medicinali Ema ha raccomandato di concedere un’estensione dell’indicazione per il vaccino Covid di Pfizer-BioNtech per includere l’uso per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Il vaccino è già approvato per l’uso in adulti e bambini di 12 anni e oltre. Si legge in una nota dell’agenzia europea del farmaco.

Dose inferiore a quella per i più grandi – Nei bambini tra i 5 e gli 11 anni, dicono all’Ema, la dose di Comirnaty, il vaccino di Pfizer-BioNTech, sarà inferiore  a quella utilizzata dai 12 anni in su: saranno 10 µg e non 30 µg. Ma, come per gli altri, sarà somministrato in due fasi con iniezioni nella parte superiore del braccio, a  distanza di tre settimane.

 

Risposta immunitaria simile – Uno studio sui bambini di questa età ha dimostrato che la risposta immunitaria  a Comirnaty somministrata a una dose più  bassa è paragonabile a quella osservata con la dose più  alta in pazienti tra i 16 e i 25 anni.

 

Studio su quasi 2mila bambini – L’efficacia  è stata calcolata su quasi 2mila bambini tra i 5 e gli 11 anni che non presentavano segni di infezione precedente. Hanno ricevuto il vaccino o un placebo e, tra i 1.305 che hanno ricevuto il vaccino, tre hanno sviluppato il Covid rispetto a 16 dei 663 ai quali invece è stato inoculato il placebo. In questo studio il vaccino si è quindi rivelato efficace al 90,7% nel prevenire il Covid sintomatico.

 

Stanchezza e brividi tra gli effetti indesiderati – Gli effetti indesiderati più comuni sono simili a quelli rilevati nelle persone più grandi: includono il dolore al sito in cui è stata iniettata la dose, stanchezza, mal di testa, arrossamento e gonfiore nel punto dell’inoculazione, dolori muscolari, brividi. Tutti effetti che sono generalmente lievi o moderati e che spariscono nel giro di pochi giorni.

 

Ema: benefici maggiori dei rischi – L’Ema ha quindi concluso che i  benefici di Comirnaty nei bambini tra i 5 e gli 11  anni superano i rischi, in particolare in quelli con condizioni che aumentano il rischio di Covid grave. La sicurezza e l’efficacia del vaccino sia nei bambini sia negli adulti continueranno a essere monitorate attentamente. L’Ema invierà ora la sua raccomandazione alla  Commissione europea, che prenderà la decisione finale.

tgcom24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *