Cirella, l’Istituto tecnico agrario non chiuderà

Cirella,  l’Istituto tecnico agrario non chiuderà

Apprendiamo con grande soddisfazione che l’Istituto tecnico agrario di Cirella non chiuderà, ma anzi potrà rafforzare la propria attività didattica e formativa nei prossimi anni.

La notizia di una sua possibile chiusura ci aveva allarmato e spinto a promuovere un’azione per salvare l’istituto. L’Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Cosenza aveva aderito infatti al tavolo avviato dal Bio-distretto Alto Tirreno Cosentino, insieme a ARSAC, Università di Cosenza – Centro studi Sociologia dell’Agricoltura, GAl “Riviera dei Cedri”, AIAB Calabria, Slow Food  “Riviera dei Cedri”, ISDE (Medici per l’Ambiente), Associazioni Crocevia Calabria e Semi Autonomi, Presidio LIBERA del Tirreno, con l’obiettivo di mantenere in vita una scuola fondamentale per tutta la comunità calabrese.

L’istituto tecnico agrario di Cirella, infatti, rappresenta l’ultimo Agrario dell’Alto Tirreno Cosentino. Una sua chiusura sarebbe stata dunque una perdita enorme per un territorio molto sensibile alle tematiche ambientali e particolarmente attivo sul fronte della promozione delle varietà colturali locali e di un’agricoltura sostenibile e innovativa.

La scuola è il pilastro su cui si regge il nostro futuro e un istituto come l’agrario deve essere la colonna portante della visione di futuro di una regione a vocazione agricola come la Calabria. Il nostro auspicio adesso è che venga ampliata l’offerta didattica regionale per formare al meglio gli imprenditori agricoli e i professionisti del futuro, rendendo così la nostra regione realmente competitiva a livello nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *